Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Dottorato in Lingue Letterature e Culture comparate
Home page > Curricula > Miti fondatori europei nelle arti e nella letteratura / European founding myths

Miti fondatori europei nelle arti e nella letteratura / European founding myths in arts and literature

Segnaliamo il link al Catalogo della Grande Biblioteca Virtuale Toscana di Francesistica (GBVTF) realizzato da AAIFF e Institut Français Firenze, con il sostegno della Fondazione CR di Firenze: https://www.institutfrancais.it/firenze/catalogo-della-grande-biblioteca-di-francesistica-della-toscana

Presentazione

Il Curriculum dottorale internazionale “Miti fondatori europei nelle arti e nella letteratura” è nato da un accordo tra le Università di Firenze, Bonn e Paris-Sorbonne. Si tratta di un progetto innovativo, interculturale ed interdisciplinare, volto alla formazione di giovani Dottori di Ricerca con competenze avanzate nelle tre lingue e culture (italiana, francese e tedesca), capaci di rispondere alle sempre crescenti esigenze di intermediazione culturale e linguistica. Il Curriculum è il frutto di una intensa e consolidata cooperazione tra le tre università, che ha già condotto all'istituzione di corsi di laurea triennali e magistrali a titolo congiunto (B.A./M.A.), quali ad esempio il CdL in Studi italo-tedeschi (Bonn-Firenze), il CdL in Studi franco-tedeschi (Bonn-Parigi), il Master in Studi rinascimentali (Bonn-Parigi-Firenze), il Curriculum dottorale Germanistica Firenze-Bonn, Umanesimo e Rinascimento (Parigi-Firenze) e Italianistica (Firenze-Paris Sorbonne-Bonn).

Il progetto è stato istituzionalizzato nel 2007 tramite un Contratto di cooperazione interuniversitaria firmato dal Prof. Robert Pitte, allora Rettore della Sorbona, e dai rispettivi Rettori delle Università di Firenze (Prof. Augusto Marinelli) e di Bonn (Prof. Dr. Matthias Winiger). Il progetto “Miti fondatori”, progetto pilota a livello europeo, ha avuto di recente il riconoscimento dell’Università Franco-Tedesca (UFA) con sede a Strasburgo, che lo ha finanziato per il triennio 2019-2021 con possibilità di rinnovo. Il finanziamento copre tanto la mobilità dei docenti e dei dottorandi quanto le attività di ricerca di questi ultimi (convegni, atelier).

Le  discipline ricomprese nel Curriculum trinazionale sono le scienze letterarie e linguistiche, la storia dell'arte e dello spettacolo, la musicologia ma anche altri campi del sapere che dialogano con la letteratura e le arti come la storiografia, le scienze politiche, la filosofia, la psicoanalisi e la sociologia. I principali ambiti di studio raccomandati dal programma sono i seguenti:

  1. La modernità e i nuovi miti
  2. La ricezione dell’antichità classica e del Rinascimento  nella cultura europea
  3. Le figure mitiche della cultura europea
  4. Letteratura, musica e arti figurative: forme e temi
  5. Estetica e poetica della modernità
  6. Cultura classico-romantica e sua ricezione
  7. Teorie della ricezione e della canonizzazione letteraria

Il Curriculum dottorale “I Miti fondatori europei nelle arti e nella letteratura” intende apportare un contributo significativo e di rilievo internazionale alla ricerca proponendo un approccio altamente innovativo fondato sull'integrazione non solo di vari settori disciplinari ma anche delle rispettive metodologie nella ricerca umanistica.

A partire dal 2009 il curriculum conta ogni anno uno o due nuovi dottorandi, con o senza borsa, selezionati nell’ambito del Dottorato in Lingue, Letterature e Culture comparate. Ad essi si aggiungono i dottorandi delle due università in mobilità su Firenze, i quali partecipano alle attività disciplinari e trasversali.

La comunità scientifica trinazionale si consolida infatti grazie ai soggiorni dei dottorandi previsti nelle due Università partner per un periodo che va dai 9 ai 18 mesi, durante i quali i dottorandi stessi hanno accesso a tutti i servizi previsti in ciascun ateneo potendo, parallelamente all’attività di ricerca, perfezionare le loro competenze linguistiche in situ.

A tale soggiorno si aggiunge l’Atelier dottorale dei “Miti fondatori” che si tiene ogni anno nel mese di giugno ad anni alterni nelle tre università. Durante le due mezze giornate previste dall’Atelier un docente di ciascun ateneo tiene una conferenza, mentre i nuovi dottorandi espongono in una delle tre lingue il loro progetto. Si prevede anche che alcuni tra i dottorandi in corso aggiornino il collegio internazionale sull’avanzamento delle loro ricerche.

I dottorandi pianificano in questa stessa occasione iniziative scientifiche congiunte.

Il corso di studi, che segue, per ciascuna università, la legislazione vigente in termini di selezione, di durata e di organizzazione, prevede, oltre all'immatricolazione del dottorando in tutte e tre le università, l’assegnazione di un tutor in ciascuna di esse. In assenza di tale procedura, così come a seguito del mancato soggiorno nelle tre università, il dottorando non potrà avvalersi del titolo trinazionale.

La tesi di dottorato verrà discussa di fronte ad una commissione paritetica di sei docenti, composta da due docenti membri di ciascuna università. Ai dottorandi che abbiano discusso con esito positivo la loro tesi verrà conferito congiuntamente il titolo di Dr. Phil., Docteur e Dottore di Ricerca dalle tre Università.

La segreteria didattica del curriculum è istituita presso l’Università di Bonn, dove personale trilingue  altamente qualificato coordina le iniziative congiunte.

Obiettivi formativi

Il Curriculum internazionale in “Miti fondatori europei nelle arti e nella letteratura” consiste in un programma di alta formazione volto a fornire ai dottorandi specifiche competenze nell'ambito degli studi umanistici, con approccio interdisciplinare e interculturale.

Il progetto ambisce a formare una nuova figura professionale, quella di esperto della cultura europea, che sarà in grado di farsi portavoce, attraverso il confronto aperto tra diverse tradizioni culturali, letterario-artistiche e metodologiche, dei valori culturali comuni della storia dell’Europa e dell’Occidente.



Sbocchi professionali

Gli sbocchi professionali dei Neodottori in “Miti fondatori europei nelle arti e nella letteratura” potranno trovarsi nelle Istituzioni accademiche e culturali pubbliche e private, nell'alta dirigenza, nell'editoria, nei musei, nei conservatori, nei settori della comunicazione, dell'Italia, della Francia e della Germania.

 

Contatti e informazioni

Referente
Prof. Michela Landi | michela.landi(AT)unifi.it

 

 
ultimo aggiornamento: 29-Gen-2021
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
Unifi Dipartimento di Formazione Lingue Intercultura Letteratura e Psicologia Home Dottorato

Inizio pagina